Couchsurfing 2

Ovvero, prime impressioni, a caldo, sull’esperienza maturata ieri

Come anticipato, ieri pomeriggio ho accolto in casa mia una coppia di ragazzi israeliani. Lui, il tipico israeliano, carnagione olivastra, capelli ricci neri e occhi neri. Ricordava vagamente il principe d’Egitto della Disney. Lei israeliana d’adozione, in quanto la sua famiglia proviene dall’est Europa; la sua fisionomia infatti tradiva quelle radici. 

Ragazzi simpatici, sebbene una sola serata non sia abbastanza per poter non dico conoscere, ma almeno ‘inquadrare’ una persona. Figuriamoci due! È stata una buona occasione per preparare la pizza in casa, bere fiumi di birra e parlare di tutto, a ruota libera, come se il mondo dovesse finire l’indomani, e ti è rimasto tanto da dire/dare. Sensazione inspiegabile, sentire il bisogno di comunicare con qualcuno che non parla la tua lingua, desiderio di condividere quante più informazioni possibili. Rispolverare anche un po’ di inglese ché, parlarlo per lavoro, non ha lo stesso valore. Ho riutilizzato e riciclato parole che neanche sospettavo di conoscere; lo sforzo maieutico ha portato alla luce una terminologia più ricercata, ma anche più diretta e coinvolgente.

Tutto sommato, dunque, l’esperienza è stata edificante. Mi piace avere ospiti a casa, cucinare per loro, accoglierli… 

Magari il prossimo potresti essere tu!

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Su di me

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...